lunedì 15 febbraio 2010

Ditemi che vedrò la luce in fondo al tunnel


Vabbe', non sto ad annoiarvi con le disgrazie e i contrattempi che, ormai quotidianamente, si abbattono sulla sottoscritta.
PERO'.

Sappiate solo che giovedì sera, mentre ero in macchina alle 19:30, dopo essere andata per ben due volte in via Mameli convinta che fosse via Ciro Menotti, e chiedendomi poi dove fosse questa cazzo di via Ciro Menotti che so benissimo dov'è, ma in quel momento proprio non mi veniva in mente, con un figlio praticamente ormai abbandonato ad una festa di compleanno, la tacita riprovazione di tutte le mamme dei suoi compagni, una figlia a casa con la Grande Nonna già pronta al cazziatone, una cena da inventare, e una litigata furibonda con l'Ing., ho pensato: "Se non mi viene una crisi isterica adesso, posso considerarmi una persona dotata di una certa forza interiore e di un qualsivolgia equilibrio psicologico".
La crisi isterica non mi è venuta, però mi sono spuntati altri due brufoli.

Sappiate solo che oggi, dopo la bellezza di una settimana di rodaggio, la baby-sitter mi ha detto che "aveva bisogno di parlarmi di una cosa importante".

"Signora, domani alle 13 no posso andare a prendere il piccolo. Ma trovato già amica che va a prenderlo"
Ma secondo te io lascio mio figlio con una perfetta sconosciuta che manco so chi è?

Inizio discorso sul non mettere in difficoltà il prossimo, e sul fatto che lei mi sta mettendo in seria difficoltà.

"Ah signora poi volevo dire, trovato lavoro alla St.Louis, sa, la scuola inglese. Devo iniziare subito"
... ... ... ... ... ... .... .... Overloop... .... ..... .... ... ... . .

Continuo il discorso, ampliando al concetto di responsabilità e di onestà.

Lei mi guarda con sguardo impassibile e dice sempre sì. Sì, sì e poi sì.
E' una cosa che mi lascia sempre stupita e mi fa molto pensare: una filippina non ti dirà MAI di no.
Ti guarderà con calma e serenità, ti dirà di sì e poi farà quello che ha deciso.
Lei, pacata. Tu, che ti stracci le vesti.
"E quindi....? Oggi è l'ultimo giorno che vieni?"
"Sì"

Alla fine, mi sento una perfetta idiota, una perfetta idiota italiana.
Una perfetta idiota italiana che la prossima settimana sarà via per quattro giorni filati.

Sappiate solo che questa sera, dopo l'ennesimo capriccio di entrambi i miei figli davanti al piatto degli gnocchi al ragù (perché gli gnocchi erano verdi e non bianchi) sono stata colta da un profondo sconforto, sentendomi una madre e una persona profondamente sbagliata. Sappiate che sono sette anni, che andiamo avanti così con mio figlio, sono arrivata a dire alla pediatra di essere disposta ad andare dallo psicologo. Lei ha alzato il sopracciglio, e mi ha detto che non c'è proprio niente da analizzare.

Sappiate solo che abbiamo ritirato la pagella. Il commento, in sintesi, è stato:
"Suo figlio? Una mente brillante, ma un gran pelandrone" (sì, sempre lui, quello che decide della sua vita).

Sappiate solo che so benissimo che questo è un blog, e non un gruppo di auto-analisi.
Ma ditemi che vedrò la luce in fondo al tunnel.


12 commenti:

Lanterna ha detto...

Tutta la mia solidarietà per la storia della baby sitter: è successo anche a me e so che nervoso ti può far venire. Ora mi affido, le poche volte che è proprio necessario, a un'agenzia.

Alexa ha detto...

Un forte abbraccio!

chiara ha detto...

Qui ti serve un aiuto pratico altro che psicologico, so che B stevens ha trovato più di una baby sitter, puoi contattarla, sfrutta le mamme sul web, e per la cena consulta tempo di cottua ha solo ricette per bambini altrimenti io per il periodo che stai passando mi avvalerei dei bastoncini findus etc...
Coraggio ce la farai!!!
:)

giuliana ha detto...

ma certo che ce la fai! io ho il freezer pieno zeppo sempre, perché tra tutti i casini mi rifiuto di pensare che anche la cena debba essere un problema. e per la babysitter vai di agenzia, come dice chiara, offrono un sacco di garanzie e magari trovi anche quella definitiva. insomma, lorenza, non ti abbattere (e fatti aiutare dall'ing, che questo sì che è un argomento da analisi, il fatto che non consideriamo mai l'ipotesi di farci aiutare da qualcuno, sia esso anche uno titolato quanto noi a mettere mano alle situazioni).
un abbraccio solidale

yummymummy ha detto...

amica: ma che luce vuoi vedere? la luce divina???!! quella è per i beati, i santi e i martiri...tu sei semplicemente una mamma che cerca di fare del suo meglio...non puoi vedere la luce. non finirà mai sto tunnel, quindi, come diceva qualcuno: arredalo e rendilo confortevole!!!
A parte gli scherzi amica: puoi farcela, lo so. sti figli brillanti e pelandroni sono la nostra croce e delizia. Gioisci...pensa se era pelandrone e basta!!!
hai tutta la mia stima e il mio appoggio.
bacetto
yummymummy

Silvietta ha detto...

ciao Lorenza!
dati tutti i presupposti che hai detto tu ...sarò schematica - così non sembra un gruppo d'analisi ... :-D

1. intanto un abbraccio, un tè caldo e un po' di relax.
2. si vedrai sicuramente la luce in fondo al tunnel, perchè hai mille e mille risorse e man mano che decodifichi i problemi trovi anche le soluzioni
3. la mia parola d'ordine ultimamente - su cui sto lavorando, eh? mica ho tutti gli assi nella manica - è "funzionare meno".

un abbraccio forte
silvietta

valewanda ha detto...

diciamo che sul discorso baby sitter è una lunga storia, e non sono solo le filippine a dire di sì, ma anche le sudamericane. Dopo che ho detto alla mia, per favore, di non andare in Perù tutto agosto, ma piuttosto dal 20 luglio al 20 agosto, che per noi era meglio, lei ha annuito e il giorno dopo, ridendo mi ha detto: "Signora Vale, ho preso i biglietti! dal 30 luglio al 5 settembre", e un vaffa è partito senza troppe discussioni (almeno in testa).

lorenza ha detto...

@Lanterna: non avevo mai considerato le Agenzie, e francamente non saprei neanche dove andarle a cercare, mi sono sempre affidata al passaparola!
@Alexa: grazie!
@Chiara e Giliana: grazie per la fiducia, avevo optato per una scelta di consumo responsabile riducendo i surgelati al minimo, ma bastoncini findus e verdure sono ritornati alla grande nel freezer!!

lorenza ha detto...

@yummymummy: sono sfinita, e siamo solo in seconda elementare...
@Silvietta: già,anch'io sto molto riflettendo sui ritmi di vita e sul fatto che in molte situazioni mi trovo a "spendere soldi" per "guadganare tempo"...
@Valewanda: io con questa simpatica baby-sitter nella mia testa facevo ben di peggio, cose degne di un film di Tarantino! E sai che sono una persona mite e buona...

emily ha detto...

carissima mi è venuta voglia di abbracciarti ma in tutta sincerità nn ti dico che c'è luce in fondo xkè finchè nn la vedo io nn sparo caxxate sulla vita degli altri!!!
io ho cambiato mille babysitter, e alla fine ho trovato una signora splendida che viene a fare le pulizie e mi da un occhio ai figli, ma sono stata fortunata a trovare una donna stupenda
credo che di questi tempi di pochi soldi e poco lavoro forse riesci a trovare una mamma di 50 anni che ha i figli grandi e viene ad aiutarti...io credo che capiscano meglio il senso di responsabilità nei confront del ragazzino
nn affronto il discorso sullo straniero altimenti sollevo la solita crociata a difesa degli extracomunitari, quello che vorrei però sottolineare che quando si sceglie una persona di altri paesi bisogna tener conto che hanno altir modi di vivere, spesso loro lasciano i loro figli nel paese d'origine a persone quasi sconosciute e quindi nn capiscono quanti problemi ti fai. parlo x esperienza naturalmente
l'ultima che ho avuto ha aspettato che arrivassi a norimberga x una fiera x dirmi che nn veniva più, il vedovo a cui faceva le pulizie si era deciso a sposarla, col cavolo che continuava a lavorare...e aspettare 5 giorni che torno, no????

lorenza ha detto...

:-D è vero, oltre al diverso approccio ai "Sì" e ai "No" forse c'è anche questa diversa cultura dell'accudimento... Mah, chissà come ne uscirò!!

Mammamsterdam ha detto...

Ne esci bene. tazza di te ecc.

Per me la cosa liberatoria dei capricci a cena è stato che la mia amica con figli svariatissimamente allergici ha deciso che se la figlia si azzarda a fare storie le propone di farsi una tazza di cereali e andare a letto così 9ovviamente non ha nulla di tentatorio in casa ma questo va risolto alla fonte, io ho imboscato una tavoletta di cioccolata bianca per le crisi e altrimenti la marmellata della nonna in frigo).

Ecco questa cosa della tazza di cereali, che al mattino mangiano volentieri, mi ha salvato. poi pretendiamo che indipendentemente dalle paturnie e qullo che mangiano o meno devono assaggiare tutto e stare a tavola con noi finché non abbiamo finito tutti ed eventualmente se non mangiano mettere un po'alla volta in lavastoviglie i piatti che non si usano più. In questo ci vuole tutto il capo, che io la sera sono stanca e mi sfugge se si alzano, sparscono e vanno a fare i giochini al computer. l'ing. secondo me ce la fa a fare il guardalinee a tavola, no? Che i padri ci sono apposta.

Anch'io le scorte viveri per le giornate no e le megaspese al sabato. vedi l'ultima ricetta che ho pubblicato un 8 giorni f, è la mia per le crisi. Ci sono settimane che mangiamo 5 paste al sugo a cena, si sopravvive e semmai una mela in più nel corso della giornata. Siccome sono allergica alle mele mi sono comprata la spremiagrumi pratica e faccio grandi spremute, almeno la vitamina C è assicurata.

Babisitter retsa un problemone ma concordo con la signora 50 enne, che è quindi quasi nostra coetanea a voler fare le pignole.

E io ho la mia santadonna polacca con sorella, ex fidanzato e un paio di amiche, ormai li conosco tutti ma li ho conosciuti al momento di crisi in cui lei mi mandava inextremis uno di loro a cui in 10 minuti lasciavo le istruzioni del figlio e li rivedevo a sera. Poi l'ex fidanzato si è scoperto genio del bricolage e quindi a volte lo mollo con una pila di mensole e i figli interessati e ripasso due ore dopo.

Tieni duro, ce la facciamo sempre, ma sfogarsi è una gran cosa. E imparare a chiedere aiuto è uno skill che si acquisisce.